Il vecchio Aqualung stringe il suo bastone al petto. I bimbi si avvicinano e lo osservano, si guardano e si chiedono: "Chissà dove andrà?". Forse un giorno lo incontreremo ed anche a lui potremo dire: "È andata così!".

sabato 16 giugno 2012

1905 MLB DEBUT 2

A metà Marzo, anche Crawford firmò un contratto per $3.000 a stagione. Raggiunse la squadra per gli Spring Training e il suo arrivo venne sottolineato dalla stampa come una definitiva assunzione al ruolo di riserva da parte di Cobb. Infatti, nella prima partita di allenamento contro i Brooklyn Superbas, Davy Jones venne schierato all'esterno centro. Cobb giocò il giorno seguente e ottenne un triplo, un bunt valido e segnò due punti. A Charlestown venne eliminato due volte a casa base dal tiro dell'esterno centro della squadra locale di Sally League. Nel tardo pomeriggio di Venerdì 30 Marzo, Cobb salì sul treno per Lavonia GA, dove si stava svolgendo il processo alla madre. Nonostante Carnesville fosse stata la sede designata per l'udienza, i lavori di restauro del tribunale dirottarono la causa a Lavonia nel Nord-Est della contea. Cobb si lasciò alle spalle Augusta col proposito di ricongiungersi alla squadra la settimana successiva a Birmingham. Al processo, gli avvocati difensori sostennero che Amanda aveva agito per legittima difesa in quanto, avendo sentito dei rumori che provenivano dalla finestra della camera da letto, si svegliò di colpo nel buio. Intimorita prese il fucile e sparò nella direzione della finestra dove a malapena si riusciva a distinguere una figura umana. Gli avvocati dell'accusa invece insistettero nel chiedere ad Amanda quanto tempo fosse passato tra il primo e il secondo sparo senza nemmeno accennare ad un presumibile atto di infedeltà matrimoniale. La giuria era composta solo da uomini ed il tradimento coniugale avrebbe complicato notevolmente la posizione di Amanda. Ma questo fatto non venne accennato, forse per mancanza di prove e nel pomeriggio del giorno dopo la giuria si riunì per formulare la sentenza. Amanda venne dichiarata innocente dall'accusa di omicidio di primo grado. Cobb si precipitò nel vicino Ufficio Postale e con un telegramma informò Armour che il processo aveva avuto l'esito sperato e che avrebbe raggiunto la squadra a Birmingham come stabilito in precedenza. Cobb trascorse i giorni successivi con la madre e la sorella gratificati dal fatto che tutto era finito per il meglio e che il nome della famiglia era di nuovo libero da ogni sospetto. In seguito, l'esterno di Detroit si recò in stazione insieme al fratello Paul che era diretto ad Atlanta, alla Georgia Tech, per giocare a baseball. Tyrus proseguendo il viaggio, si ricongiunse alla squadra.

Ancora una volta la grande determinazione, la volontà e il forte temperamento furono le doti principali di Cobb che gli permisero di ottenere tre valide contro la squadra di Birmingham. Nelle successive partite disputate a Cincinnati, la Pesca della Georgia giocò altrettanto bene, quanto basta per far parte della squadra, ma ancora non da titolare. Come se non avesse avuto abbastanza guai fino a quel momento, il giovane Cobb fu vittima di una forte tonsillite tanto acuta da rendere doloroso ogni volta che deglutiva del cibo. Germany Schaefer, il seconda base della squadra, accompagnò Cobb dal medico. Il giovane Tyrus aveva 38,5 di febbre quella mattina al Boody Hotel di Toledo e il dottore, visitandolo, gli disse che doveva asportare le tonsille. Cobb si sottopose all'intervento che venne eseguito senza anestesia, in un ambiente con attrezzi di dubbia asetticità. Il giovane Tyrus subì sette incisioni, alla quinta svenne e gli fu girata la testa per evitare che soffocasse a causa dell'abbondante perdita di  sangue. Germany Schaefer stordito da quella scena da macelleria, caricò sulle sue spalle il giovane ed esausto Cobb dirigendosi verso l'albergo. Il giorno dopo contro la squadra di Columbus Tyrus giocò per sette riprese e nonostante la debolezza riuscì a battere una valida da due basi. "Sputava sangue per tutto il campo", dirà in seguito Sam Crawford. Ma la tortura di Cobb non finì ancora perchè dovette sostenere un'altra seduta dal macellaio-medico per asportare alcuni piccoli residui di tonsille. Dopo pochi mesi si venne a sapere che questo medico non era certificato ad esercitare la professione. Venne arrestato ed in seguito fu dichiarato infermo mentale e venne rinchiuso in un istituto psichiatrico.

Pittsburgh Press
All'Opening Day del 1906, al Bennett Park davanti a 14.000 spettatori, Davy Jones era all'esterno centro e Cobb in panchina. Dovette aspettare il 5° incontro dei Tigers il 21 di Aprile a Chicago, quando entrò in difesa all'esterno destro per sostituire Sam Crawford che si era infortunato alla gamba. Giocò ancora a St.Louis contro i Browns dove segnò un punto, eseguì un perfetto bunt di sacrificio ma non ottenne nessuna battuta valida. Cobb continuò a giocare all'esterno destro mentre l'infortunato Crawford venne impiegato occasionalmente in battuta. Tyrus non voleva perdere quell'occasione e si impegnò con tanta intensità in quel ruolo difensivo. Ma la troppa esuberanza lo portò a commettere degli errori tanto da obbligare il manager Armour a sostituirlo in battuta con Crawford. Il giorno successivo contro Cleveland, il giovane Tyrus realizzò per la prima volta 2 battute valide in una partita e fu protagonista di un errore in difesa che permise a Cleveland di pareggiare. In seguito la partita fu interrotta per la pioggia. Cobb continuò a battere con efficacia e quando Crawford si ristabilì, Armour spostò il giovane Tyrus all'esterno centro e Davy Jones in panchina. Cobb non era in grado di battere bene contro i lanciatori mancini, ma contro quelli destri era determinato ed efficace come pochi nelle Majors. Gli allenamenti con George Leidy in inverno ad Augusta, gli permisero di diventare uno dei migliori esecutori di smorzate e di batti e corri della Lega al punto che il manager Armour decise di spostare Cobb nel line-up per assegnargli il ruolo di lead-off dell'ordine di battuta, sfruttando così tutta la velocità del giovane Georgiano. A metà Maggio B.F.Wright descrisse Cobb come "lo sbarbato di 20 anni nella luce di una saetta", mentre "Sporting Life" scrisse "il suo tempismo in battuta non ha eguali". Dopo aver eseguito una spettacolare presa al volo all'Huntington Avenue Grounds di Boston e ottenuto la valida vincente alla nona ripresa, il Free Press annunciò che il ragazzo baseballista ha ottenuto il suo ruolo da titolare.
Tutto sembrava procedere nel modo migliore per il giovane Tyrus, ma l'antagonismo con McIntyre e la sua gang rimase accesa ed infuocata e, quel che è peggio, l'ostilità tra i due giocatori arrivò a contaminare le partite. Cobb e McIntyre si rifiutarono di collaborare quando le palline battute cadevano in mezzo a loro evitando di comunicare all'altro il gioco da effettuare. Parecchie legnate, che sarebbero state facilmente prese al volo, caddero per terra permettendo agli avversari di posizionarsi in zona punto. Armour pensò all'inizio di escludere Cobb, ma subito capì che non era una buona strategia. Allora spostò Cobb all'esterno sinistro, fece giocare Davy Jones al centro e ordinò a McIntyre di sedersi in panchina. Il manager ne aveva avuto abbastanza di questa situazione feudale all'interno della squadra. Ora c'era il campionato e bisognava cercare di vincere il più possibile. Sporting News scrisse che McIntyre odiava Cobb e che non avrebbe giocato in squadra con lui. Quando Tyrus era in base, McIntyre non fece nessuno sforzo per fare avanzare il compagno di squadra. Come testimoniò il catcher di St.Louis: "Cobb si trovava in seconda base e McIntyre mi disse, "Non penserai che io faccia qualcosa...vero?". L'esterno venne multato dal manager per atteggiamento indifferente durante le gare. McIntyre rispose che voleva essere ceduto ad un'altra squadra, Armour gli disse "O Detroit o nessun'altra parte". Nel frattempo Cobb era sempre solo e non aveva amici nel club. Edgar Willett, un giovane e promettente lanciatore nativo della Virginia, arrivò in squadra e condivise la camera d'albergo con Cobb. Subito, McIntyre e la sua gang fecero notare al giovane pitcher che non doveva stare insieme a Cobb o sarebbe finito male. Willett, intimorito, pensò di allontanarsi dal giovane Georgiano il quale si trovò ancora nella situazione in cui poteva contare solo su se stesso. A Detroit come nelle trasferte, Cobb soggiornò in albergo in camere singole, cenava in solitudine nella quasi totale noncuranza dei compagni di squadra. L'idea di trovare una qualsiasi attività che potesse riempire la giornata fuori dall'impegno del campionato brillò nella mente di Tyrus. Fece lunghe camminate nelle città in cui si trovava. Visitò musei e biblioteche interessandosi all'arte e alla storia del luogo. In particolare il giovane Georgiano mostrò una forte curiosità per la storia e la cultura di Boston, New York e Washington. La sua rigida educazione lo aveva portato a crescere in mezzo ai libri, il che rappresentava un fatto insolito per quei tempi. Passò ore intere in camera d'albergo immerso nella lettura delle biografie di grandi personaggi della storia come Napoleone e Giulio Cesare. Anche gli argomenti scientifici destarono la sua curiosità, in particolare trovò interesse verso la Frenologia, una dottrina pseudoscientifica propagandata nei primi anni dell'800 dal medico tedesco F.J.Gall, secondo la quale le funzioni cerebrali dipenderebbero da particolari zone o regioni del cervello che ne avrebbero determinato il carattere e l'intelligenza di una persona. La sua notorietà come giocatore di baseball gli permise di ottenere diversi ingressi gratuiti al Belle Isle Park di Detroit dove Cobb poteva assistere a rappresentazioni teatrali, in particolare Shakespeare, ed anche a spettacoli di intrattenimento di vario genere come quelli di Harry Houdini che lasciavano il pubblico senza fiato. Cobb frequentò anche il Detroit Opera House venendo a conoscenza dei grandi componimenti classici di Beethoven, Brahms, Chopin e Tchaikovsky. Addirittura il giovane prese lezioni di ballo, un'attività non certo ben tollerata dai seguaci della chiesa Battista.
Cobb era come una spugna, una calamita. Riusciva ad incamerare e ad attrarre tutto dentro di sè. La sua curiosità, il suo interesse verso il mondo e tutto ciò che lo circondava erano paragonabili al suo desiderio di emergere, INFINITO. Le sue distrazioni e i suoi svaghi non lo allontanarono da quello che per lui era la cosa più importante di tutte. Giocare a baseball e trovare sempre il modo di migliorare. Ogni piccolo movimento degli avversari, ogni spostamento, ogni occhiata, ogni possibile modifica della tecnica di battuta potevano essere utili al raggiungimento di quello che per il giovane Cobb rappresentava l'apice della grandezza di un baseballplayer. I miglioramenti di Cobb nell'affrontare i lanciatori mancini furono evidenti specialmente contro i Southpow di Boston, Dutch Leonard e Babe Ruth, dove il Georgiano ottenne rispettivamente .375 e .326 di media battuta. Anche la sua abilità di correre sulle basi migliorò notevolmente e spesso, partendo dalle prima base, con un bunt di sacrificio riusciva ad arrivare in terza base approfittando di ogni minima incertezza del difensore. Anche con una battuta valida nella zona del centro-destra o del centro-sinistra, il giovane Cobb arrivava in terza base perchè dallo sguardo del difensore e dalla posizione del guanto capiva la provenienza del lancio. Con furia vandalica Tyrus avrebbe scivolato in modo da trovarsi tra la traiettoria della pallina e il difensore che in questo caso sarebbe stato incapace di effettuare l'eliminazione perchè travolto dalla sua irruenza. A metà stagione i Tigers si trovarono ben sopra .500, che rappresentò una buona percentuale di Vittorie-Sconfitte. Ma i dissapori all'interno della squadra continuavano a rendere l'ambiente amaro e sgradevole. Germany Schaefer provò con il suo carattere brillante ed estroverso a mitigare questa situazione. Durante un giorno di pioggia a Cleveland, entrò in campo con l'impermeabile; a Chicago dopo aver battuto un homer come pinch-hitter, fece il giro delle basi scivolando su ognuna di esse. Ciò non bastò perchè l'antagonismo, il disprezzo e l'ostilità fra Cobb, McIntyre, Killian e gli altri aprirono ferite difficilmente suturabili. Killian sottolineò il suo nervosismo rivolgendosi al manager e affermando che la squadra non lo stava aiutando in difesa perchè erano dei rammolliti. Un giorno lo stesso Killian arrivò al campo ubriaco e con la mazza spaccò sedie e armadietti nello spogliatoio. Venne sospeso e multato. Infine ci pensò anche Sam Crawford ad alimentare il dissenso in squadra lamentandosi perchè voleva più soldi e dicendo a McIntyre che Armour non era un buon manager.
Il giovane Cobb non ne poteva più. La sua sopportazione e la sua pazienza raggiunsero il limite e le preoccupazioni intaccarono i suoi propositi di eccellere nel gioco. Il suo stato di salute e la sua concentrazione diventarono evidenti specialmente nelle sue prestazioni in attacco. Verso la fine di Giugno la sua media battuta era di .350, ai primissimi posti in tutta la lega, ma da lì in poi, la percentuale cominciò a calare costantemente arrivando ad Agosto con una media battuta di.319. Nessuno si accorse dello stato di salute di Cobb e nessuno sottolineò che gradualmente il giovane Georgiano era sempre più assente dal line-up. Tyrus fu come un "Battello Ebbro in preda ai marosi" (A.Rimbaud "Le Bateau ivre"). La situazione peggiorò nel 1906, anche se Cobb non disse nulla in merito al suo stato di salute. In un secondo momento, i reporters si accorsero della situazione quando Armour annunciò che Cobb non avrebbe sostenuto la trasferta a Boston e sarebbe rimasto a Detroit per riposare. Andando a fondo della notizia, i giornalisti scrissero che Tyrus era affetto da collasso fisico ed emotivo, in pratica era vittima di un esaurimento nervoso. Venne ricoverato in ospedale e dopo una settimana subì un intervento allo stomaco per l'asportazione di un'ulcera. Con l'assenza di Cobb, qualche altro infortunio e il parco lanciatori in profonda crisi, la squadra dei Tigers scivolò in sesta posizione quando si aprirono le porte dell'ultima settimana del mese di Agosto. Verso la fine dello stesso mese, mentre la squadra stava tornando da Washington, il treno si scontrò contro un merci nei pressi di Buffalo. Non vi furono gravi infortuni tra i giocatori sbalzati fuori dalle loro cuccette. Il tutto fece pensare ad una sorta di maledizione che si era abbattuta sulla squadra e sul club. Il roster della squadra era ormai ridotto al minimo e Frank Navin decise di ingaggiare il 46enne Sam Thompson, grande superstar dei gloriosi Tigers di fine 800, nella speranza che i bei ricordi del vecchio slugger potessero incrementare l'affluenza dei tifosi al Bennett Park. Nel frattempo il giovane Cobb si riprese dall'intervento chirurgico recuperando in pieno le sue doti fisiche e mentali. Il 30 Agosto esordì con i Cadillacs di Detroit, una squadra di semipro, e realizzò 3 battute valide contro Oxford, Michigan. Quando i Tigers balzarono verso St.Louis il 3 di Settembre, il giovane Cobb si riunì alla squadra disputando la sua prima partita dal 18 Luglio, allo Sportsman's Park. Dopo sette riprese la gara terminò a causa della pioggia con i Browns in vantaggio per 1-0. Cobb giocò all'esterno centro ed era quarto nell'ordine di battuta. Ottenne una valida contro il lanciatore Barney Pelty, rubò una base ma su una lunga battuta di Charley Hemphill viziata dal vento, il Georgiano commise un'incertezza che trasformò quella lunga battuta in un fuoricampo. Certamente non fu un piacevole ritorno per il giovane Tyrus.